[GUIDA] La Carburazione

Avatar utente
SIVIT_159
Membro 100cc
Messaggi: 2703
Iscritto il: mar ott 27, 2009 7:39 pm
Ha ringraziato: 8 volte
Sei stato  ringraziato: 3 volte

[GUIDA] La Carburazione

Messaggio da leggere da SIVIT_159 »

Immagine

Dopo aver chiarito le idee di cosa sia e come sia formato un Carburatore ( http://www.ciaocrossclub.it/root/phpBB3 ... 45&t=55428 ) possiamo andare avanti.... il passo successivo da affrontare è:

LA CARBURAZIONE

La Carburazione consiste nel trovare il giusto rapporto aria benzina nel carburatore.... così, nella camera di scoppio si ha un'ottima combustione, si sfrutta tutta la potenza disponibile e si ha un funzionamento regolare del motore....

Definiremo una miscela aria/benzina magra se è povera di benzina e grassa se è eccessivamente ricca di benzina....

Iniziamo con l'elencare i FATTORI CHE INFLUENZANO LA CARBURAZIONE
La carburazione è influenzata da vari fattori:

----- La temperatura del motore, dove nel caso di partenza a motore freddo (temperatura inferiori ai 20°), si ha la condensazione della benzina sul cilindro e per i 2 tempi anche nel carter, quindi la miscela aria/benzina che andrà a far parte della combustione sarà povera di benzina.

----- Le caratteristiche costruttive del carburatore e dei suoi componenti, che possono determinare il tipo di controllo sull'afflusso di benzina.

----- Pulizia del carburatore e dei vari circuiti, per evitare problemi di carburazione e essere impossibilitati nell'azione di ricarburazione.

----- Filtro dell'aria, deve essere pulito periodicamente, per garantire che il flusso d'aria proveniente dalla scatola dell'aria sia vigoroso e costante nel tempo.

----- Pressione atmosferica, maggiore è la pressione e più si smagrirà la carburazione.

----- La temperatura e l'umidità, dove più sono alti tali valori e più si ingrasserà la carburazione, quindi bisognerebbe carburare il mezzo in quelle condizioni dove questi parametri hanno valori intermedi, in modo da non ritrovare la carburazione troppo magra o ricca di benzina.

PULIZIA DEL CARBURATORE

La pulizia del carburatore serve per evitare che i getti si otturino o riducano il loro diametro interno, così come i condotti, perché tutto ciò non porta altro che a sgradite scarburazioni, con rischi diversi a seconda di ciò che si va ad otturare.

Per effettuare questa pulizia è bene utilizzare del solvente, come l'acquaragia o la benzina, inoltre bisogna disporre dell'aria compressa, fondamentale per pulire i vari ugelli e circuiti dallo sporco dissolto dal solvente, facendo scorrere l'aria nel verso opposto a quello normale della benzina. Si può anche utilizzare un pennello di piccole dimensioni, che non perda fili e che siano rigidi, esso può essere usato nei casi dove ci sia tanto sporco o si voglia pulire anche l'esterno del carburatore in modo piu accurato.

PULIZIA DEL FILTRO

La pulizia del filtro è molto semplice da eseguire, nel caso questi siano di spugna, altrimenti nel caso di filtri di carta bisognerà sostituirlo.

Il filtro di spugna deve essere immerso in un solvente, come la benzina o il gasolio, strizzato piu volte, in modo da togliere tutte le impurità, lasciarlo asciugare, impregnare con dell'olio specifico e rimontare.

--------------------------------------------------------------------------------------------------

Nei carburatori meccanici, elettronici e a depressione i primi tre componenti da tenere presente per la carburazione, sono:

Altezza smusso valvola (carburatore con valvola a saracinesca)

L'altezza dello smusso, è molto importante perché uno smusso piu è alto e piu aria permette di far entrare alle piccole aperture, infatti lo smusso non fa altro che convogliare l'aria riducendo le turbolenze a valvola parzializzata, ciò permette d'avere grandi potenze anche con piccole aperture (1/4 di giro di manopola), rendendo più facile la gestione della potenza da questo punto in poi, ciò è utile soprattutto in curva.

Peso del galleggiante

Il peso del galleggiante è importante da tenere presente, perché un galleggiante leggero richiede getti piu grandi e di conseguenza sarà piu difficile che questi si occludano o che si sporchino.

Il polverizzatore

Il polverizzatore è molto importante, perché come il galleggiante influisce molto sulla carburazione controllando la carburazione dalle minime aperture fino a tutto gas, di questi polverizzatori ne esistono due tipi, a due tempi (non aerato) e il quattro tempi (aerato), il loro nome non li lega al tipo di motorizzazione a cui vanno accoppiati, anche se il polverizzatore per due tempi può essere utilizzato solo sul due tempi, mentre il tipo per quattro tempi su tutte e due le motorizzazioni, i fattori del polverizzatore che incidono sulla carburazione sono tre:

----- Diametro interno, larghezza del polverizzatore

----- Altezza ugello, altezza della parte che sporge nel Venturi

----- Posizione e dimensione fori aereatori, piu sono grandi e spostati in basso i fori posizionati sul tubo del polverizzatore, che rimane dentro al carburatore

Inoltre in rari casi il circuito aria che va ad alimentare il polverizzatore viene regolato tramite una vite, che permette la regolazione del flusso d'aria, maggiore sarà il flusso e piu si impoverirà di benzina la carburazione, minore è il flusso e piu si arricchirà di benzina la carburazione.

COMPORTAMENTO DEL MOTORE

La carburazione a seconda del suo titolo (contenuto di benzina) da un comportamento differente al motore:

---- Carburazione molto povera di benzina: Risulta piu difficile avviare il motore, anche d'estate con l'ausilio dello starter, il motore ha un regime minimo piu alto, la risposta al gas con il motore al minimo e il cambio a folle è tardiva (il motore si può spegnere), poi sale molto velocemente di regimi e in caso di alimentazione a carburatore può far superare il regime massimo (oltre il limitatore) per via delle alte temperature, in movimento il motore all'apertura del gas può avere dei mancamenti per eccesso d'aria e/o non raggiungere il limite massimo di giri, invece al rilascio del comando gas con il mezzo in movimento si hanno degli scoppiettii, il motore si scalda di più e più velocemente, i gas di scarico sono molto caldi e meno densi del normale, portando a temperature maggiori l'impianto di scarico, basso consumo di carburante, necessita di un anticipo d'accensione minore del normale.

----- Carburazione povera di benzina: Il motore si avvia piu difficilmente, ma è piu veloce (sale di regime piu velocemente), gas discarico meno denso (meno visibile), minor consumo di carburante, necessita di un anticipo d'accensione minore del normale, leggero miglioramento del funzionamento agli alti regimi.

----- Carburazione corretta: Il motore risponde rapidamente (risponde subito al comando) e velocemente (sale velocemente di regimi) al comando del gas.

----- Carburazione ricca di benzina: Il motore si avvia piu facilmente, ma è piu lento (sale di regime piu lentamente), gas di scarico piu denso (piu visibile), maggior consumo di carburante, necessita di un anticipo d'accensione maggiore del normale, leggero miglioramento del funzionamento ai bassi regimi.

----- Carburazione molto ricca di benzina: Risulta più difficile avviare il motore, soprattutto d'estate, per tenere il minimo bisogna aumentare l'apertura della valvola, la risposta al gas con il motore al minimo è estremamente lenta o tardiva (il motore si può spegnere per ingolfamento), poi sale molto lentamente di regimi e borbotta e stenta a raggiungere il regime massimo, in movimento il motore all'apertura del gas può avere dei mancamenti o borbottare per eccesso di benzina, invece al rilascio del comando gas con il mezzo in movimento si hanno dei borbottamenti o ammutolirsi, il motore si scalda di piu, i gas di scarico sono piu freddi e densi del normale, portando a imbrattare l'impianto di scarico e la candela d'accensione, elevato consumo di carburante, necessita di un anticipo d'accensione maggiore del normale.

CAUSE DI SCARBURAZIONE AL DI FUORI DELLA TARATURA

Le cause non imputabili alle regolazioni del carburatore che portano a scarburazione sono molte e di solito influiscono sulla carburazione per i primi 3/4 dei regimi totali, con un'influenza minore agli alti regimi. Dette cause sono:

----- Sporcizia che ottura i vari ugelli d'alimentazione (sia per il carburatore che per l'iniettore): si ha una riduzione del flusso di benzina, portando a un impoverimento della miscela aspirata dal motore

----- Filtro aria sporco, che porta ad arricchire la carburazione.

----- Cilindro/pistone eccessivamente usurati od ovalizzati: la scarburazione avviene perché - nel 2 tempi - parte della miscela viene sporcata dai gas di scarico - nel 4 tempi - perché viene sporcata dall'aria del basamento.

----- Valvole/valvola non stagne: si ha una perdita di miscela aria/benzina, in particolare d'aria.

----- Collettore carburatore allentato o danneggiato: si ha un'eccessiva quantità d'aria, che varia a seconda di quanto è allentato o danneggiato il collettore, che porta ad avere un regime minimo sempre piu alto e a carburazioni sempre piu magre, con una carburazione instabile.

----- Valvola carburatore usurata (solo per carburatori muniti di valvola a saracinesca): si avrà sempre un trafilo d'aria sia in ingresso che in uscita; quando il pistone si porta al PMI si avrà la fuoriuscita di miscela aria/benzina (soprattutto aria), quando il pistone si porta al PMS si avrà l'introduzione d'aria (in quantità superiore a quella fuoriuscita), questo effetto diminuisce con l'aumentare dei regimi.

----- Carter pompa non stagno (solo nel 2 tempi a crater pompa) si avrà sempre un trafilo d'aria sia in ingresso che in uscita, quando il pistone si porta al PMI si avrà la fuoriuscita di miscela aria/benzina (soprattutto aria), quando il pistone si porta al PMS si avrà l'introduzione d'aria (in quantità superiore a quella fuoriuscita), questo effetto diminuisce con l'aumentare dei regimi.

----- Paraoli usurati

----- Tiranti cilindro lenti

----- Carter allentati

----- Condotto d'immissione olio (solo motori a due tempi muniti di miscelatore): si ha un trafilo d'aria nel motore, portando ad avere un eccesso d'aria; tale effetto si ha soprattutto ai bassi regimi.

----- Condotto ausiliario di depressione (per rubinetti a depressione o altri sistemi come il servofreno) (solo mezzi che hanno il sistema d'aspirazione con tali condotti): si ha un trafilo d'aria nel motore, portando ad avere un eccesso d'aria; tale effetto si ha soprattutto ai bassi regimi, e questo danno è generalmente più evidente rispetto al condotto dell'olio rovinato.

----- Condotto di depressione otturato in parte o totalmente (solo carburatori a membrana) riducendosi la depressione che aziona la membrana che a sua volta richiama la benzina al carburatore, si ha un decadimento delle prestazioni anche molto evidente.

----- Valvola galleggiante consumata: in questo caso si perde la sua funzione ermetica, che comporta un afflusso di benzina anche quando si raggiunge il corretto livello della benzina, soprattutto quando il motore è a bassi regimi e la manopola gas è chiusa.

----- Valvola galleggiante bloccata: la valvola del galleggiante può essere del tipo molleggiato, può rimanere bloccata senza che si possa chiudere, portando ad avere un livello più alto di carburante, avvertibile come un affogamento del motore o perdite di carburante dal condotto di livello massimo.

----- Mutazione dell'alimentazione: questo problema si ha solo per i motori a due tempi, nel caso di passaggio da un'alimentazione a benzina, con lubrificante separato a un'alimentazione con miscela olio-benzina o di un uso con diversa miscelazione. Con l'aggiunta dell'olio o in presenza di una maggiore quantità di quest'ultimo la carburazione s'impoverisce, poiché esso non viene combusto.

By SIVIT_159

Fonti: http://it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale
Avatar utente
SPARVIERO
Membro 100cc
Messaggi: 3283
Iscritto il: ven mar 27, 2009 4:29 pm
Ha ringraziato: 1 volta
Sei stato  ringraziato: 3 volte

Re: [GUIDA] La Carburazione

Messaggio da leggere da SPARVIERO »

bella ma non hai scritto i sintomi principali per accorgersi della carburazione,ad esempio il colore della candela,il comportarsi del motore con l'aria aperta ecc
Avatar utente
SIVIT_159
Membro 100cc
Messaggi: 2703
Iscritto il: mar ott 27, 2009 7:39 pm
Ha ringraziato: 8 volte
Sei stato  ringraziato: 3 volte

Re: [GUIDA] La Carburazione

Messaggio da leggere da SIVIT_159 »

SPARVIERO ha scritto:bella ma non hai scritto i sintomi principali per accorgersi della carburazione,ad esempio il colore della candela
http://www.ciaocrossclub.it/root/phpBB3 ... 45&t=46824

http://www.ciaocrossclub.it/root/phpBB3 ... 43&t=45344
Pitbull
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: [GUIDA] La Carburazione

Messaggio da leggere da Pitbull »

Non ho parole, è un'ottima guida!
Avatar utente
The-monster
Membro 50cc
Messaggi: 669
Iscritto il: mer nov 25, 2009 3:18 pm
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: [GUIDA] La Carburazione

Messaggio da leggere da The-monster »

bella guida
Gioppy
Membro 80cc
Messaggi: 1688
Iscritto il: dom set 07, 2008 8:15 pm
Ha ringraziato: 0
Sei stato  ringraziato: 0

Re: [GUIDA] La Carburazione

Messaggio da leggere da Gioppy »

stessa cosa che ho detto per l'altra guida..ottima
Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti